martedì 20 febbraio 2018

La nobile famiglia ortodossa dei Panchulidze Aznauri

La nobile famiglia ortodossa dei Panchulidze Aznauri

Il Generale Conte Ivan Panchulidze
I Panchulidze sono una antica famiglia nobile ortodossa georgiana di cavalieri crociati (Tadzrelebi) e signori feudali (Aznauri) dell’antico Regno di Imerezia, citati, fin dal XIII secolo, tra i clan fedeli alla dinastia principesca e reale dei Bagrationi di Imereti. Ma i Panchulidze hanno origini ancora più remote come famiglia patrizia bizantina, la leggenda narra discendenti da un comandante greco macedone dell’esercito di Alessandro Magno. Nei secoli, i Panchulidze, si distinsero soprattutto come valorosi guerrieri, fedeli ai Re Bagrationi di Imerezia e Georgia, e, successivamente, durante il dominio della Russia, come valorosi alti ufficiali e zelanti funzionari imperiali. Fra i primi sono certamente da citare i fratelli Ivan (1758-1815)  e Semyon (1765-1817), entrambi generali dei Dragoni imperiali, al seguito del loro principe georgiano Peter Bagrationi, pluridecorati al valor militare nelle guerre contro i mussulmani turchi e persiani, e gli invasori francesi giacobini  di Napoleone, nominati prima Cavalieri (Ordine di San Vladimiro, Ordine di Sant’Anna, Ordine di San Giorgio, ecc…) e poi Conti dallo Zar Alessandro I Romanov. I loro ritratti sono esposti, con tutti gli onori, nel Palazzo Imperiale di San Pietroburgo, ora sede del famoso Museo Ermitage, e le spoglie di Semyon riposano nel Monastero Ortodosso di Spaso Andronikov a Mosca. Terzo fratello dei due soldati fu Alexey (1762-1834) governatore di Saratov. Il figlio di quest’ultimo, Alexander (1790-1867) fu colonnello degli Ussari, pluridecorato (Ordini di San Vladimiro, San’Anna e San Stanislao) e governatore imperiale di Penza, e, suo figlio Alexei (1819-1888): governatore imperiale di Samara e Chernigov, e maresciallo della nobiltà a Saratov e consigliere di stato. Fra i numerosi personaggi noti della famiglia, citiamo ancora il conte russo georgiano Alexey Nicolayevich Panchulidzev (1884-1964), pluridecorato Colonnello dei Cosacchi, Addetto Militare Russo alla Ambasciata di Parigi e, dopo la rivoluzione, paladino della Russia Bianca in Francia, membro della unione dei Cavalieri di San Giorgio e della Unione degli Zeloti in memoria dello Zar Nicola II, morto come prete ortodosso, dopo avere preso i voti religiosi nel 1955. Attuale capo del clan dei Panchulidze Aznauri è il Generale Dany che ha continuato la tradizione militare di famiglia, prima nell'esercito sovietico e poi nelle forze armate georgiane. Altri rappresentanti noti sono Mandilosani Lali, PR internazionale, presidente della associazione culturale internazionale ecumenica cristiana Italia-Georgia-Eurasia, e Vazha Panchulidze, Capo del Dipartimento Trasporti del Governo della Georgia.



domenica 18 febbraio 2018

SAR Tigran Bagratuni di Armenia in Aristocrazia Europea



Nel Comitato d'Onore di Aristocrazia Europea
Sua Altezza Reale il Gran Principe
TIGRAN BAGRATUNI di ARMENIA e Cilicia
Signore di Taron, Vaspurakan, Kars, Khachen, Syunik.ecc...
capo della dinastia Bagratide e legittimo erede al trono
riconosciuto ufficialmente dalla Chiesa Armena



sabato 3 febbraio 2018

Il Governo di Artistocrazia Europea


Comitato d’Onore:

Mons. Luigi Anfosso
Mons. Avondios Ioan Dimitri Bica
Mons. Luigi Casolini di Sersale 
Mons. Prof. John Kersey de Polanie-Patrikios
Padre Nenad Miodragov Jovanovic
Mons. Josè-Apeles Santolaria de Puelles y Cruells
Mons. Massimilliano Watson Taylor of Strichen 

Gen. Carmine Bennato
Comandante Giancarlo Cioffi
Ammiraglio Mario Mancini
Gen. Stefano Murace di Castel Misano

SAR Irakli David Bagrationi Imeretinsy
SAI Elizandra Bragança de Orleans
SAI Hugo Noberto Cabrera Rurikovich Kubarev
SAI Prof. Roberto Comneno d'Otranto
SAI Vladimir Gorshkov Cantacuzene
SAI Giovanni Paleologo di Bisanzio
SAR Marko Petrovich Niegos del Montenegro
SAI Tatiana Romanova di Russia

Maestro Spartaco Bertoletti
Ottavio Bevilacqua di Bevilacqua
On. Lodovico Boetti Villanis Audifredi
Costantino Brancia di Apricena
Giuseppe Carfi di Serra Rovetto Boscopiano
Loris Catriota Skandemberg
Marina De Beiret De Dampierre De Picot
Stefano Durazzo di Gabiano
Rudolphus Egon von Furstenberg
Bruno Henning Castellani di Malo
Massimo Mallucci de Mulucci
Elena Manzoni di Chiosca e Poggiolo
Giancarlo Maresca
Oriana Federico Filippo
Giuseppe Parodi Domenichi
Alessandro Romei Longhena
Sforza Ruspoli di Cerveteri
Sergio Luigi Sergiacomi de Aicardi

Sacrario d’Onore (+):

Luigi Coda Nunziante di San Ferdinando
Giacomo Scipione Caneva di Lisert e Verteneglio
On. Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse



Comitato Scientifico-Culturale
(professori docenti universitari):

Silvio Bolognini (presidente)
Gianfranco Benedetto
Enrico Bociollesi
Massimilliano Bonavoglia
Umberto De Giovanni
Massimo De Leonardis
Giacomo Gaggero
Valerio Leoni
Francesco Lotito
Paolo Manazza
Cesare Marinacci
Marco Marinacci
Stefano Masullo
Luca Romagnoli
Claudio Savoldi Bellavitis
Riccardo Scarpa
Giovanni Sessa
Attilio Vaccaro Belluscio
Carlo Vivaldi Forti
Luigi Zingone

Commissione Castelli:

Edoardo Algenti
Costantino Brancia d'Apricena
Laura Caldara
Andrea Canafoglia Venturini
Ambrogio Carissimo Oltrona Visconti
Simone Piercacciolo
Gianfranco Stefanizzi
Alessandro Romei Longhena
Silvio Vartolo
Cesare Vernarecci di Fossombrone


Consiglio di Reggenza:

Ezra Annibale Foscari Widmann Rezzonico 
(presidente pro tempore)

Lali Panchulidze 
(vice presidente pro tempore – rapporti internazionali)
Roberto Jonghi Lavarini 
(vice presidente pro tempore – organizzazione)

Giuseppe Manzoni di Chiosca e Poggiolo 
(consulta araldica)
Francesca Lovatelli Caetani 
(comitato dame – ufficio stampa e PR)
Enrico Gallo 
(segretario generale)
Gianpaolo Berni Ferretti 
(rapporti istituzionali)
Francesco Ugolini Pentini Rossini 
(delegato Roma e Italia Centrale)
Tommaso Romano 
(delegato Sicilia e Italia Meridionale)
Franco Torriglia Sbraccia 
(delegato Liguria, Monaco e Costa Azzurra)
Massimiliano Pulvano Guelfi 
(delegato Malta e Mediterraneo)
Andreas Rovilos 
(delegato Grecia e Cipro)
Levan Chkheidze 
(delegato Georgia, Armenia, Caucaso, Bisanzio)

Giada Arioli (consigliera)
Claudio Bernieri (consigliere)
Andrea Canafoglia Venturini (consigliere)
Pierluigi Colloredo Mels (consigliere)
Onelio Onofrio Francioso (consigliere)
Stefano Linati (consigliere)
Salvatore Lupo Migliaccio di San Felice (consigliere)
Enzo Modulo Morosini (consigliere)
Emilio Petrini Mansi della Fontanazza (consigliere)
Giacinta Ruspoli di Cerveteri (consigliera)
Franco Cesare Tardivo di Ressairage (consigliere)
Cesare Vernarecci di Fossombrone (consigliere)


giovedì 1 febbraio 2018

Ordini Dinastici di Casa Savoia a Villa Reale a Monza




Delegazione di Aristocrazia Europea in Georgia, Armenia, Caucaso e Bisanzio.


Suo Onore il Nobile Raindi Levan dei Principi Chkheidze Aznauri entra nel Consiglio di Reggenza della Associazione Culturale Internazionale Aristocrazia Europea, e sarà Delegato della stessa per la Georgia, il Caucaso, l'Armenia e gli ex territori dell'Impero Bizantino.